CPanel

Associazione Amici Magnificat

Home
E-mail Print PDF

Registrazioni e liturgie latine a Gerusalemme nella Santa Pasqua 2018 - Registrazione dei canti di tradizione latina del Giovedì e Venerdì Santo
L'AAM sostiene la produzione di un nuovo CD del Coro della Custodia di Terra Santa

Gerusalemme, 25-28 marzo 2018 - Dalla domenica delle Palme al mercoledì Santo 2018, il Coro della Custodia di Terra Santa, diretto dal M° Hani Kreitem, e il Coro San Bartolomeo di Brugherio, diretto dal M° Raffaele Deluca, hanno registrato circa 25 canti della liturgia latina del Giovedì e Venerdì Santo in uso nella Basilica del Santo Sepolcro e nella Basilica del Getsemani a Gerusalemme.

E' stata registrata anche una nuova messa in lingua araba, "Khoulud Al Quds" (Gerusalemme per sempre), composta da P. Armando Pierucci. I cori sono stati accompagnati rispettivamente da Yacoub Ghazzawi, organista del Coro "Magnificat" della Custodia di Terra Santa, e dal M° Alessandro Milucci di Napoli, il nuovo organista della Basilica del Santo Sepolcro. Il CD comporterà una alternanza di canti gregoriani ("Nos autem gloriari", "Popule meus", "Crux fidelis", "Sepulto domino", ecc.), di canti della tradizione popolare locale in lingua araba condivisa dalle varie Chiese di Gerusalemme, e di composizioni più recenti di P. Pierucci entrate nell’uso della tradizione gerosolimitana dei giorni della Settimana Santa - come il canto "Pater si non potest", "Getsemani", gli "interventi della folla nella Passione secondo San Giovanni", o "Aspectus fuit orribilis", quest'ultimo ispirato da una melodia dei fratelli armeni ortodossi.

Il Coro San Bartolomeo diretto dal M° Raffaele Deluca inoltre ha proceduto ad una nuova registrazione del repertorio di “Hic Mors et Vita Conflixere (duello mirando)” - in riferimento alla nota sequenza pasquale "Victimae Paschali laudes" ("qui la morte e la vita si sono affrontate in uno straordinario duello"). "Hic Mors et Vita conflixere" è una raccolta di pezzi estratti dagli uffici vespertini della Settimana Santa al Santo Sepolcro, così come sono stati ricostituiti dall’ufficio liturgico della Custodia di Terra Santa sotto la direzione di P. Enrique Bermejo, in base alle liturgie praticate negli ipsissimi loci i primi secoli. Tali ufficia sono stati approvati dalla Santa Sede il 12 ottobre 2011. Anche in questo caso, si tratta di una alternanza di gregoriano e di composizioni appositamente fatte per questi uffici da P. Pierucci, e da questo rielaborati a 4 voci per “Hic Mors et Vita Conflixere”. La registrazione e’ stata curata da Michael Rast, “Tonmeister” presso la radio-televisione della Svizzera Italiana (TSI), che ha già curato numerose registrazioni per la Fondazione Laus Plena, per l’Associazione Amici del Magnificat e per altri CD registrati a favore della Custodia di Terra Santa. Michael Rast era assistito da Stephan Gruessi, tecnico del suono presso la TSI. La registrazione e produzione dei CD sono finanziati dalla Fondazione Laus Plena, e la pubblicazione è prevista nel corso del 2018. Alle spese di produzione del primo CD contribuerà pure l'Associazione Amici del Magnificat. La Custodia di Terra Santa con l'Istituto Magnificat hanno sostenuto il soggiorno del coro San Bartolomeo a Gerusalemme, ospitandolo presso l'ospizio di Maria Bambina, nel cuore storico della Città Santa, e hanno offerto tutti i pasti, presi all'ospizio francescano "Casanova". La Fondazione, con la sponsorizzazione della Cooperativa edilizia Brugherio82 di Brugherio (MI, I) ha sostenuto spese di viaggio e di trasporto.

La Fondazione ringrazia tutti quelli che hanno reso possibile questo evento, in particolare la Custodia di Terra Santa e P. Alberto Pari, direttore dell'Istituto Magnificat, che ha coordinato e organizzato le registrazioni e la partecipazione alle liturgie (con l'ausilio, per gli aspetti di tecnica del suono, di Rocco Giansante, impiegato presso l'Istituto Magnificat), la cooperativa edilizia Brugherio82, e naturalmente, i due Cori e gli organisti coinvolti. L’entusiasmo e la dedizione dei cantori del Coro San Bartolomeo nel partecipare alle liturgie sono stati percepiti da subito nel convento francescano di San Salvatore, dalle lunghe ora di prove e di registrazione nella Chiesa del grande convento, e presso la Sala del’Immacolata - da 8 a quasi 10 ore al giorno. Dalle testimonianze raccolte e concordanti, le liturgie latine della settimana Santa e Pasquali nel 2018 sono state particolarmente festose. Infatti, oltre rafforzare l'organico del Coro della Custodia nelle liturgie cui ordinariamente partecipa, il Coro San Bartolomeo ha cantato per sostenere il canto dei frati, dove possibile anche nelle versioni polifoniche elaborate per "Hic Conflixere", a tutti gli uffici vespertini della Settimana Santa.

Recordings and Latin liturgies in Jerusalem in the Holy Easter 2018 Recording of the Latin tradition songs of Thursday and Good Friday and of the Vespertini Offices of Holy Week at the Holy Sepulcher in Jerusalem Jerusalem

March 25-28, 2018 - From Palm Sunday to Holy Wednesday 2018, the Choir of the Custody of the Holy Land, directed by M ° Hani Kreitem, and the San Bartolomeo Choir of Brugherio, directed by M ° Raffaele Deluca, recorded about 25 songs of the Latin liturgy of Thursday and Good Friday in use in the Basilica of the Holy Sepulcher and in the Basilica of Gethsemane in Jerusalem.

A new Mass in the Arabic language was also recorded, "Khoulud Al Quds" (Jerusalem Forever), composed by P. Armando Pierucci. The choirs were accompanied respectively by Yacoub Ghazzawi, organist of the Choir "Magnificat" of the Custody of the Holy Land, and by Maestro Alessandro Milucci of Naples, the new organist of the Basilica of the Holy Sepulcher. The CD will involve an alternation of Gregorian chants ("Nos autem gloriari", "Popule meus", "Crux fidelis", "Sepulto domino", etc.), of songs of the local popular tradition in Arabic language shared by the various Churches of Jerusalem, and more recent compositions by P. Pierucci entered the use of the Jerusalem tradition of Holy Week days - such as the song "Pater si non potest", "Gethsemane", the "interventions of the crowd in the Passion according to St. John", or " Aspectus fuit orribilis ", the latter inspired by a melody of the Armenian Orthodox brothers.

The San Bartolomeo Choir directed by M ° Raffaele Deluca also proceeded to a new recording of the repertoire of "Hic Mors et Vita Conflixere (duel aiming)" - in reference to the famous Easter sequence "Victimae Paschali laudes" ("Here the death and the life they have faced in an extraordinary duel "). "Hic Mors et Vita conflixere" is a collection of pieces extracted from the vespertine offices of Holy Week at the Holy Sepulcher, as they were reconstituted by the liturgical office of the Custody of the Holy Land under the direction of Fr. Enrique Bermejo, based on liturgies The first centuries were practiced in the most wise loci. These offices were approved by the Holy See on October 12, 2011. Also in this case, it is an alternation of Gregorian and compositions purposely made for these offices by P. Pierucci, and from this re-elaborated to 4 voices for "Hic Mors et Vita Conflixere ". The recording was curated by Michael Rast, "Tonmeister" at the Italian-Swiss radio station (TSI), who has already edited numerous recordings for the Foundation and for CDs registered for the Custody of the Holy Land. Michael Rast was assisted by Stephan Gruessi, a sound engineer at TSI. Registration and production of CDs are financed by the Laus Plena Foundation, and publication is scheduled for 2018. The Friends of the Magnificat will also contribute to the expenses of the first CD. The Custody of the Holy Land with the Magnificat Institute supported the stay of the San Bartolomeo choir in Jerusalem, hosting it at the hospice of Maria Bambina, in the historic heart of the Holy City, and offered all the meals taken at the Franciscan hospice " Casanova ".

The Foundation, with the sponsorship of the Brugherio Building Cooperative82 of Brugherio (MI, I) has incurred travel and transport expenses. The Foundation thanks all those who made this event possible, in particular the Custody of the Holy Land and Fr. Alberto Pari, director of the Magnificat Institute, who coordinated and organized the recordings and participation in the liturgies (with the help, for the aspects of sound technique, by Rocco Giansante, employed at the Magnificat Institute), the Brugherio building cooperative82, Claudia Devotini, and of course, the two choirs and the organists involved. The enthusiasm and dedication of the choirs of the San Bartolomeo Choir to participate in the liturgies were immediately perceived in the Franciscan convent of San Salvatore, from the long hours of rehearsals and registration in the Church of the great convent, and in the Sala del'Immacolata - from 8 to almost 10 hours a day. From the gathered and concordant testimonies, the Latin liturgies of the Holy Week and Easter in 2018 were particularly festive. In fact, in addition to reinforcing the staff of the Choir of the Custody in the liturgies to which it ordinarily participates, the San Bartolomeo Choir sang to support the friars' singing, where possible also in the polyphonic versions elaborated for "Hic Conflixere", to all the vespertini offices of the Week Santa.

Alcune foto: