CPanel

Associazione Amici Magnificat

Home
E-mail Print PDF

UN INCANTEVOLE CONCERTO ...  PER IL MAGNIFICAT! 

Prato Leventina, 17 settembre 2016 – La chiesa di San Giorgio a Prato Leventina si vede da lontano, nella sua posizione sopraelevata su un monticello all’interno del paese, e illuminata come è, di notte. Costruita nel secolo XVII sulla struttura preesistente di una chiesa romanica menzionata nel 1210, conserva dall’edificio medievale lo splendido campanile a sei piani; l’ingresso è protetto da un originale e particolare portico coperto. All'interno, le decorazioni in stucco e gli affreschi sono d'epoca barocca.

Alle 20:15, è iniziato con un folto pubblico giunto in questo luogo suggestivo il concerto organizzato dalla Filarmonica dell’Alta Leventina, con il patrocinio del Conservatorio della Svizzera italiana, scuola di musica, a favore delle attività dell’Associazione Amici del Magnificat (AAM) per l’Istituto Magnificat di Gerusalemme.

Il concerto, organizzato personalmente e reso possibile dal M° Luca Medici, direttore della scuola di musica, lo vedeva anche direttamente protagonista al clarinetto. Dopo aver brevemente introdotto il concerto, con il quartetto d’archi composto da Anna Francesio Quirici, violino, Livia Roccasalva, violino, Daniel Herrera, viola, e Kerem brera, violoncello, ha eseguito magistralmente il magnifico Quintetto per clarinetto e quartetto d’archi K581 di Wolfgang Amadeus Mozart. Il secondo brano del concerto era il Cuartetto Virreinal per quartetto d’archi di Miguel Bernal Jimenez.

L’atmosfera, raccolta e concentrata, nella penombra della Chiesa, sotto gli stucchi e affreschi barocchi, era magica, incantevole; alla qualità degli esecutori rispondeva la qualità di ascolto del pubblico. Un applauso fragoroso ha accompagnato la fine dei due brani.

Tra un brano e l’altro, Véronique Nebel, presidente dell’AAM, accompagnata da Massimo Locatelli, membro del Comitato dell’AAM, ha brevemente presentato l’Istituto Magnificat, ora diventato conservatorio, ricordando la sua fondazione da parte del musicista francescano, P. Armando Pierucci, circa 20 anni fà, le sue finalità e caratteristiche per il servizio musicale liturgico dei Luoghi Santi, ma anche come luogo di educazione e di formazione di giovani di origine culturali e confessionali diverse. Ha ricordato anche la  collaborazione già avuta con il Conservatorio della Svizzera italiana, all’occasione della partecipazione del Coro Clairière alla messa di Natale a Betlemme nel 2012, quando il M° Luca Medici fu membro della giuria nel Concorso pianistico; e anche recentemente, con il concerto che nel giugno 2016, ha visto protagonisti al LAC i giovani del Magnificat e del conservatorio della Svizzera italiana. Ha ringraziato di cuore la Filarmonica dell’Alta Leventina, il Conservatorio della Svizzera Italiana, Luca Medici e il pubblico per il loro generoso impegno e sostegno.

Al termine del concerto, i figli di Massimo Locatelli, adetti alle cesti in cui il pubblico ha depositato l’offerta, hanno contato, meravigliati, la somma di ben CHF 850 ! Gli stessi verranno versati sul conto dell’AAM al più presto e dedicati ai progetti della stessa a favore dell’Istituto Magnificat. Tra questi, c’è in particolare l’invito di giovani del Magnificat per delle calssi di Master presso il Conservatorio della Svizzera italiana, e la sponsorizzazione del Concorso pianistico 2017.


Ma le belle sorprese non erano finite. Il M° Luca Medici ha presentato all’AAM il liutaio Martino Ruggia. Lo stesso ha informato l’AAM che intende donare al Magnificat 4 violoncelli e circa 20 violini, in parte ritirati dal Conservatorio della Svizzera italiana. L'AAM ha accolto questa notizia con grande entusiasmo, invitando il liutaio Ruggia a Gerusalemme e progettando subito di informarne il Direttore della scuola, P. David Grenier, e di poi organizzare e finanziare in seguito il trasporto degli strumenti nella Città Santa. Forse sarà addirittura possibile organizzare una consegna ufficiale all’occasione del concorso per archi, che l’istituto Magnificat organizza normalmente nel mese di dicembre.


L’AAM esprime ancora una volta tutta la sua immensa gratitudine nei confronti del M° Luca Medici, del Conservatorio della Svizzera Italiana e della Filarmonica dell’Alta Leventina, nonché del liutaio Ruggia.

Alcune foto del Concerto Magnificat: