CPanel

Associazione Amici Magnificat

Home Stampa

Stampa

Ma  quanti  Ma ha il Magnificat !

Oggi un tumulto di  sentimenti  e di ricordi sono nel mio cuore.  La data del mio compleanno, ieri,  mi riporta a mia Madre, il primo Ma del Magnificat. Mio Padre era morto da neppure due mesi e lei diceva: “Magari fosse femmina !”.  Una bambina aiuta di più in casa;  e poi lei temeva che un  secondo  maschio non sarebbe andato d’accordo  con suo  fratello.
A  10 anni dissi a mia Madre che volevo andare tra i frati.  Lei andò a sentire;  io pensavo: “Magari  non mi prendessero”.  Ma  ormai l’avevo  chiesto;  dovevo andare.
17 anni fa proposi al Capitolo dei Frati di aprire una Scuola di Musica; e intanto mi confortavo con un altro pezzo di Magnificat:  “Magari non venisse nessuno! “.
Invece vennero ragazzi  delle varie Confessioni Cristiane, Musulmani  e, più tardi, Israeliani.  Non si poteva rifiutare nessuno.
C’era ancora una speranza: “Magari non mi trovassero un posto dove insegnare”. Invece si adattò il seminterrato del convento di  S. Salvatore.  Avevo voluto la bicicletta; dovevo pedalare.   
Non sono stato coraggioso, ma non mi sono tirato indietro, tanto più che sono  arrivati altri Ma.  Il Sindaco di Maiolati Spontini,   Giancarlo Carbini,  su  suggerimento di Enrico  Filonzi e Franco Cascia, mi ha dato la cittadinanza onoraria del  mio paese nativo e un forte aiuto per la costruzione della Scuola di Musica.
La Regione Marche, governata dal Presidente Gian Mario Spacca, attraverso l’Assessore alla Cooperazione Internazionale, Luca Marconi, e alla Deputata a tale Ufficio, Marina Maurizi, ugualmente, insieme al sostegno a tante iniziative, ha stanziato una forte somma allo stesso scopo;  tutti e due, Regione e Comune, hanno tenuto congelata la somma per alcun anni, sorvolando alcune regole.
Ora il fuoco  del loro generoso affetto ha scongelato  tutto.  Addetto al fuoco è stato il Premio  Vallesina, presieduto dal Sindaco di Monsano, Gianluca   Fioretti, e tenuto vivo dal segretario Nicola Di Francesco.
Del Premio Vallesina dico soltanto un ricordo e un anagramma.
Nicola mi scuserà se  rivelo  che la marimba, che abbiamo  in dotazione, il Premio Vallesina l’ha donata al Magnificat in memoria di Gianfranco Carancini. Questi era un signore che riusciva a tenere insieme un gruppo di amici, aggregati per momenti di  festa e opere di solidarietà.  Negli ultimi giorni di vita chiese a Nicola di prendersi cura del guppo e gli passò il testimone.
E l’anagramma dell’intitolazione del Premio Vallesina  è questo:
Mai pianse ‘l voler.
La forte volontà del Premo Vallesina, unita alla generosità di migliaia di persone e alla buona volontà della gente del Magnificat, ha realizzato il prodigio  che oggi ammiriamo.  Prodigio cui  hanno collaborato, con la Custodia Francescana di  Terra Santa e il P. Custode , P. Pierbattista Pizzaballa, gli Ingegneri Roberto Mancini e Ettore Soranzo, con i loro meravigliosi assistenti e operai.  Prodigio cui si unisce l’impegno del Direttore del Magnificat, Sig.ra Hania Soudah Sabbara, dei professori e degli studenti.  Eventi come la recente  edizione del Pentagrammando la Pace Insieme, effettuata con gli allievi delle Scuole di Musica di Ancona, Jesi, Senigallia, Serajevo e Gerusalemme, non si sarebbero realizzati senza  il forte volere di tutti.  
 “Mai pianse ‘l voler”  vale anche per le scelte fatte da Magnificat.  Ricordo che 17 anni fa dicevo  al compianto P. Alberto Prodomo, architetto del primo  Magnificat:  “ Non facciamola tanto bella questa Scuola. Forse non verrà nessuno; forse nessuno si metterà   a studiare.  Se la devono meritare una bella scuola”.
Ora  i nostri   allievi e i prof hanno meritato una bella Scuola.
La Regione Marche, il Comune di Maiolati Spontini, il Premio Vallesina ce l’hanno  data.
Grazie a loro.
Grazie al  più prezioso Ma  del Magnificat,   Maria SS.ma.

 

COMUNICATO STAMPA
 
Inaugurazione dei nuovi locali del Magnificat

GERUSALEMME. Martedì 4 settembre il Custode di Terra Santa P. Pierbattista Pizzaballa ha inaugurato nel convento di San Salvatore i nuovi locali dell’Istituto Magnificat di Gerusalemme alla presenza del console generale d’Italia a Gerusalemme Giampaolo Cantini e di una delegazione dei finanziatori del progetto composta dall’assessore alla Cooperazione allo Sviluppo della Regione Marche Luca Marconi, dal sindaco di Maiolati Spontini Giancarlo Carbini, dal presidente del Premio Vallesina Gianluca Fioretti e da una folta comitiva giunta dall’Italia.

Read more...
 
  • «
  •  Start 
  •  Prev 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  Next 
  •  End 
  • »
Page 1 of 3